CHI SIAMO

alla ricerca di un nome di fantasia, una sera “cliccado” su internet, ritrovo una intervista da me rilasciata, nel lontano 1992, al Corriere della sera, dal titolo: metti una bicicletta nella valigia, resoconto sugli allora nascenti tour in bicicletta a bordo di battelli e velieri di cui, credo, esserne stato il primo appunto nel 1991. Un fortunato intuito che segue quello di molti anni prima, quando, da mediocre presentatore/animatore, creai dal nulla il primo villaggio turistico a Nord di Tropea, che, grazie alla mancanza di capitali fu chiamato PAGO PAGO anche per un ideale “gemellaggio” con le isole delle  Samoa. Seguiranno poi le iniziztive in  Trentino e alla Corsica isola per la quale ho operato per ben 25 anni.  La svolta “Olandese” avviene nel 1990 con la indimenticabile mostra di Van Gogh (oltre 600 partecipanti) a cui seguirà nel 1996 quella ancora più importante dedicata a Vermeer (700 partecipnti). Tra una esposizione e l’altra (1991) decollano le iniziative relative alla bicicletta in Olanda, la cui ascesa sarà inarrestabile, fino a far diventare questo tipo di viaggio il cavallo di battaglia di Bicinvaligia. Da alcuni anni,  grazie all’esperienza alberghiera, proponiamo un veliero di lusso con un buon servizio alberghiero, un’ottima cucina Italiana con almeno l’80% di prodotti provenienti dal nostro paese. Da quel lontano 1991, almeno 6.000 turisti hanno solcato le stradine dell’Olanda alloggiando in velieri, inizialmente spartani e poi man mano sempre più confortevoli. Molti di questi turisti, hanno poi, via via aderito ad altre iniziative tra cui il Canada visitato in modo consono al paese, alla Reunion  e tante altre iniziative minori. Per il 2016, riproponiamo Parigi-Londra-Parigi, ed altre affascinanti iniziative “culturali”  guidate dal Professor Giancarlo Corbellini che dopo l’IRAN, il MAROCCO, l’UZBEKISTAN, l’ARMENIA+GEORGIA, per quest’anno ci porterà a SRI LANKA e, a Settembre, ben 2 viaggi in CINA sulla strada della Seta

chi siamo?

Roberto Losurdo

come si finisce per diventare un T.O.

Roberto è un “giovane” anziano nato a 50 metri dal mare, anzi tra due mari: Taranto. Prima di quel fatidico 1972 (villaggio Pago Pago), è un mediocre presentatore e animatore nonché creatore di spettacoli. Molti artisti del tempo, tra cui spicca, nel 1967, Dalida, nell’unico spettacolo che la cantante ebbe nella sua natia Calabria. Contemporaneamente, sviluppa la passione per tutto quanto ricorda gli anni 20, dell’età del jazz, divenendo uno dei più noti conoscitori Italiani delle opere di Francis Scott Fitzgerald. Nel 1990 pubblica un resoconto sui luoghi della costa Francese resa famosa negli anni 20, della “generazione perduta” che vide in primo piano appunto l’autore del “grande Gatstby. Saltuariamente, collabora con il Fatto quotidiano.

 

 

Giancarlo Corbellini

Nato nel 1945, si è laureato nel 1968 in geografia dedicandosi alla ricerca geografica sul campo, organizzando e dirigendo una ventina di spedizioni alpistico-scientifiche in ogni parte del mondo, dall’Artico canadese alla Siberia russa. Ha guidato gruppi di ciclisti in ogni parte del mondo e ha scritto diversi libri di viaggi  e alpinismo.

 

Raffaello Mosca

Perito Industriale, Marina Militare, per 30 anni dirigente della Philips in Italia. Da 20 anni collabora con Trekking Italia riguardo viaggi appunto di trekking, alpinismo e sci alpinismo. Dal 2005 collabora con Bicinvaligia come aiuto programmazione e accompagnamento gruppi in Olanda e altre destinazioni. Attualmente, ricopre la carica di Presidente di Bicinvaligia.